Separati in casa: a livello giuridico cosa comporta?

Separati in casa: a livello giuridico cosa comporta?

Separati in casa: effetti civili

Separati in casa: la premessa è d’obbligo. Chiariamo sin dal primo paragrafo che essere separati in casa non costituisce un presupposto per far iniziare a decorrere il termine dei 6 mesi utili ad ottenere il divorzio, né apporta alcun cambiamento a livello giuridico. Infatti il nostro codice civile non disciplina la “separazione in casa”.

 

Ma cosa significa essere separati in casa?

La definizione di separati in casa di fatto è amatoriale: si definiscono separati in casa quei coniugi che non condividono più nulla se non il tetto coniugale. Alcune coppie continuano ad utilizzare le risorse economiche reciprocamente, altre continuano la gestione delle faccende domestiche anche riguardanti l’altro coniuge, ma quasi mai si condivide lo stesso letto. Spesso non c’è dialogo. Una situazione di certo angosciosa, snervante, deleteria, che logora l’anima e la psiche. E allora perché ci si ostina a stare sotto lo stesso tetto? E perché non si procede alla separazione civile?

 

Leggi anche: “Separarsi: 6 casi in cui il divorzio è la risposta migliore

 

A volte dietro a questa decisione ci sono motivi di natura economica: se è il vostro caso leggete l’articolo relativo al divorzio breve, che invece prevede costi ridottissimi. Con noi di Divorzio Celere è possibile raggiungere la separazione consensuale o il divorzio consensuale a costi ridotti, a partire da soli € 225,00 a coniuge, senza rinunciare alla massima professionalità.

 

Se stai per separarti o divorziare e vuoi avvalerti della nostra consulenza, chiama il numero 3791156991 oppure scrivici su whatsapp. In alternativa puoi compila il form che trovi qui per essere ricontattato gratuitamente. Siamo esperti in divorzio, divorzio breve e separazione.



 

Altri motivi possono essere i figli, verso i quali si pensa di fare un’azione meno pregiudizievole rispetto alla separazione vera e propria. In realtà quasi sempre il clima di tensione che si respira in casa è oppressivo anche per i figli.

 

Differenza tra separati in casa, separati di fatto e separati legali

C’è una sostanziale differenza tra separati in casa, separati di fatto e separati legali. Sulla prima definizione abbiamo già ampiamente dato delucidazioni. I separati di fatto sono invece i coniugi che non vivono più insieme, con l’abbandono spontaneo del tetto coniugale, magari anche con accordi pacifici inerenti agli aspetti economici o all’affidamento dei figli. Anche questa situazione non implica nulla a livello giuridico e non fa decorrere i tempi per il divorzio. Invece la separazione legale (che sia consensuale o giudiziale) viene determinata da un giudice, che stabilisce le condizioni della separazione stessa.

 

Leggi anche: Motivi di divorzio: le 10 cause più comuni per le quali si divorzia

 

Separati in casa: non si convive più ma si coabita

Quando si è separati in casa, in teoria, si cessa di convivere e si coabita. C’è infatti una differenza sostanziale tra coabitazione e convivenza. La convivenza ovviamente include in sé anche la coabitazione, e prevede che chi ne gode condivida abitudini, spazi comuni, pasti, nonché la condivisione di sentimenti e affetti. La coabitazione invece null’altro è che la condivisione della stessa abitazione. Come se i due coniugi diventassero coinquilini, insomma.

 

Come formalizzare la separazione in casa?

Ebbene sì, c’è un modo per formalizzare la situazione dei separati in casa: oggi basta versare 16 euro nelle casse del Comune, rivolgendosi all’Ufficiale di Stato Civile del Comune di residenza (di entrambe le parti, di almeno una delle due o in alternativa del luogo in cui è stato celebrato o trascritto il matrimonio), a patto che:

  • non vi siano figli minori;
  • non vi siano figli maggiorenni incapaci o portatori di handicap gravi;
  • non vi siano figli maggiorenni non economicamente autosufficienti.

Ovviamente questa procedura rende impossibile dar luogo a qualsiasi patto di trasferimento patrimoniale, ad esempio dell’abitazione coniugale, delle auto, dei conti corrente cointestati, ecc.

Il Sindaco, non appena riceve le dichiarazioni dei partner e solo dopo trenta giorni, chiederà ai coniugi di presentarsi innanzi a lui per la conferma definitiva, che produrrà gli stessi effetti dei provvedimenti giudiziali (che decorreranno dalla data della prima sottoscrizione). Se le parti, nel giorno stabilito, non compariranno davanti al Sindaco l’accordo perderà efficacia e si dovrà ripetere la procedura.

 

Se stai per separarti o divorziare e vuoi avvalerti della nostra consulenza, chiama il numero 3791156991 oppure scrivici su whatsapp. In alternativa puoi compila il form che trovi qui per essere ricontattato gratuitamente. Siamo esperti in divorzio, divorzio breve e separazione.



 

Separati in casa: diritti e doveri

Per la legge due persone separate in casa sono comunque ancora unite in matrimonio. Questo fa sì che i coniugi restino vincolati a tutti i diritti e obblighi derivanti dal matrimonio (fedeltà, coabitazione, collaborazione e contribuzione ai bisogni della famiglia), e in special modo a quelli di assistenza morale e materiale del coniuge e (inderogabilmente) dei figli.

Inoltre possono sorgere delle problematiche di natura burocratica, ad esempio relativamente all’ottenimento di alcune sovvenzioni statali (come potrebbe essere l’assegno di maternità o l’esenzione medica): infatti i redditi dei coniugi verranno sempre sommati, e le richieste quindi possono essere respinte.

 

 

Conclusioni

Vengono definiti quindi “separati in casa” i coniugi (a livello legale sono sposati) che coabitano ma non convivono, e la scelta risiede solo nella convenienza reciproca ma senza interessi sentimentali comuni. Per queste coppie è comunque possibile, in qualsiasi momento, richiedere la separazione giudiziale, sia individualmente (dando luogo ad una causa vera e propria nei confronti dell’altro coniuge), sia consensualmente.

 

Se stai per separarti o divorziare e vuoi avvalerti della nostra consulenza, chiama il numero 3791156991 oppure scrivici su whatsapp. In alternativa puoi compila il form che trovi qui per essere ricontattato gratuitamente. Siamo esperti in divorzio, divorzio breve e separazione.



 

Condividi questo articolo:
0
951642cc6a289363eb0351b1c8753612c7f0ae6b
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: