Perché molti imprenditori divorziano? Non solo perché si trascura il coniuge

Perché molti imprenditori divorziano? Non solo perché si trascura il coniuge

Perché tanti imprenditori divorziano? Perché quando si apre un’azienda si finisce spesso per divorziare?

Spesso gli impegni di lavoro possono creare distanza e tensione in una coppia. Sarà per questo che tanti imprenditori divorziano? Ci sono matrimoni che riescono a superare i momenti di tensione e di stress, ma molto spesso i problemi possono far degenerare anche i rapporti più solidi.

Tra le cause comuni del divorzio bisogna annoverare le difficoltà finanziarie, l’abbandono, la mancanza di comunicazione, e obiettivi di vita diversi, come abbiamo visto precedentemente sull’articolo “Motivi di divorzio: le 10 cause più comuni per le quali si divorzia“. Tutti questi aspetti, purtroppo, sono molto frequenti e concomitanti nella vita di un imprenditore. Anche le altre professioni ci portano a stare lontani da casa e ci danno preoccupazioni ma non sempre ci portano a vivere l’ansia dovuta al pensiero di mettere a rischio la nostra famiglia. E poi c’è la gelosia. Quanto spesso sentiamo dire a un imprenditore che la sua azienda è la sua vera “passione”? Quanto spesso dicono altrettanto del coniuge? Per non parlare di collaboratori che spesso mirano alla scalata sociale…

 

Se hai deciso di separarti ma non sai come muoverti, chiama il numero 3791156991 o scrivici su Whatsapp, siamo a tua disposizione. Altrimenti puoi compilare il form che trovi in home page per essere ricontattato gratuitamente.

 

C’è da dire che i problemi generalmente insorgono se l’azienda nasce in un momento già di crisi, ma non è così scontato. Un nostro cliente, ad esempio, ci ha raccontato che la sua relazione era una relazione serena prima di lanciare la sua azienda di prodotti elettronici, e che pensava che l’avvio di un’azienda non avrebbe che migliorato ancor di più il suo matrimonio. E invece è accaduto l’esatto contrario: Marco (nome di fantasia) ammette con il senno di poi di aver trascurato sua moglie, preso dall’entusiasmo per la nuova azienda e dalle tante cose da fare per portarla avanti, ma d’altro canto sostiene anche che sua moglie non ha avuto fiducia in lui e nella sua nuova attività. Addirittura succedeva che ogni volta che Marco acquistava un apparecchio per la sua azienda, sua moglie andava a comprare un gioiello dello stesso valore economico. “Una volta ho comprato una stazione di saldatura digitale, e in cambio ho dovuto comprarle una Louis Vuitton,” ha raccontato. “Credeva che le mie cose fossero solo giocattoli”. Alla fine la coppia ha divorziato, appena due anni dopo la nascita dell’azienda.

 

Perché accade questo?

Questa situazione evidenzia il modo in cui prospettive diverse possano distruggere un rapporto, in particolare se l’imprenditore continua a sostenere di agire nell’interesse della famiglia, ma il coniuge non gli crede. Uno dei modi per valutare la motivazione di un imprenditore è capire quanto è disposto a sacrificare il tempo che dedica alla sua famiglia. Luigi (anche questo è un nome di fantasia) è un imprenditore del settore alimentare, e ammette di aver sottoposto sua moglie a “due anni di orribile povertà e sofferenza” mentre cercava di produrre e vendere un’olio rivoluzionario che non è mai riuscito a far decollare. Infine, “lei non ce l’ha fatta più,” ha detto. “E la capisco, eravamo con due bambini in fasce e senza sapere come pagare il mutuo per il mese successivo.” La moglie di Luigi è giunta a un ultimatum: l’olio o lei. “Ho scelto l’olio e la mia idea,” ha dichiarato. “E quel giorno è morto il nostro amore.” E il loro matrimonio.

Se hai deciso di separarti ma non sai come muoverti, chiama il numero 3791156991 o scrivici su Whatsapp, siamo a tua disposizione. Altrimenti puoi compilare il form che trovi in home page per essere ricontattato gratuitamente.

 

Spesso il lavoro può cambiare una persona, e non sempre in meglio. Quando si mette su un’azienda, spesso si diventa autoritari e impazienti. Filippo era sposato da 23 anni e sua moglie dominava il loro rapporto anche prima di diventare imprenditrice. Mettere su un’azienda di successo la faceva sentire così potente e sicura di sé da arrivare a disprezzarlo. “I semi della fine del nostro rapporto c’erano già tutti,” ha detto. “Ma erano come popcorn. Il calore degli affari li ha fatti scoppiare tutti.”

Stranamente, l’entusiasmo iniziale per la nuova azienda aveva rafforzato il rapporto, dandogli più freschezza e energia. Ma poi, quando Filippo ha chiesto a sua moglie se volesse ancora avere un marito, lei ha risposto ‘Non ora. Forse più avanti”

 

E se fosse un problema di… invidia?

Ci sono sia mariti che mogli che soffrono del successo imprenditoriale del proprio coniuge. Laura, una nostra assistita, ha scelto di divorziare da suo marito quando lui ha cominciato a commettere abusi emotivi e fisici per via della sua crescente indipendenza.  “Diceva a tutti che ero io che portavo i pantaloni in casa, solo per via dei miei guadagni”.

 

Non hai tempo per preparare la documentazione per il divorzio? Tranquillo, ci pensiamo noi!

Contattaci al numero 3791156991

 

Conclusioni

Insomma, gli imprenditori sono come tutti gli altri divorziati. Promettono di comportarsi diversamente in futuro e ammettono di aver dato priorità alle cose sbagliate nella vita. Il loro prossimo rapporto, come anche la loro futura azienda, potrà sfruttare la lezione impartita dal precedente.

Ma i loro futuri coniugi devono fare molta attenzione, perché spesso per gli imprenditori vale sempre la stessa regola: il lavoro prima di tutto. Un nostro assistito, usciti dal tribunale, ci disse sorridendo e immaginando il suo prossimo rapporto “Chiunque avrà rapporti con me dovrà sapere da subito che ho già una moglie, ed è la mi azienda! Ho ancora grandi progetti.”

 

Se hai deciso di separarti ma non sai come muoverti, chiama il numero 3791156991 o scrivici su Whatsapp, siamo a tua disposizione. Altrimenti puoi compilare il form che trovi in home page per essere ricontattato gratuitamente.

 

 

Condividi questo articolo:
0
951642cc6a289363eb0351b1c8753612c7f0ae6b
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: