Cause di separazione: quando ci si lascia “a causa” dei figli.

Cause di separazione: quando ci si lascia “a causa” dei figli.

Quali sono le più frequenti cause di separazione? Pare che molto spesso i motivi ruotino intorno ai figli.

Una delle principali cause di separazione pare sia proprio l’arrivo dei figli. Strano, dite? Beh, quando in una coppia arriva un figlio gli equilibri si stravolgono: l’assetto cambia completamente, cambiano le priorità, il modo di approcciarsi l’uno all’altra, le abitudini. È un po’ come dover ricominciare da capo, come dover conoscere una nuova persona. Spesso la persona che hai sposato non la riconosci più e te ne ritrovi a fianco un’altra; ecco perché, in generale, fare un figlio per recuperare un rapporto in crisi quasi sempre si rivela la peggiore delle mosse.

Un figlio porta con sé nuove responsabilità per entrambi, nuovi sforzi fisici ed emotivi per mantenere il corretto equilibrio tra la cura verso il bebè e la cura verso il partner e verso la propria persona. E non tutti sono in grado di reggere e gestire questo terremoto emotivo e fisico.

 

Leggi anche “Affidamento congiunto, esclusivo o alternato dei minori: guida completa

 

Gli studi confermano che una coppia con figli ha un duro esame da sostenere

Uno studio condotto qualche anno fa in Svezia ha messo in evidenza come ben una coppia su tre, e quindi il 33% delle coppie con figli, si ritrovi, intorno ai 4 anni del figlio, nel bel mezzo di una bufera con il coniuge che porta alla rottura e quindi alla separazione. Per l’esattezza l’età media è di 4 anni e 8 mesi. Un dato senz’altro sconcertante, se si pensa alla frase “i figli uniscono“.

 

Se vuoi avvalerti della nostra consulenza, chiama il numero 3791156991 oppure compila il form che trovi qui per essere ricontattato gratuitamente. Siamo esperti in divorzio, divorzio breve e separazione.

 

A conferma di quanto appena detto vi riportiamo i dati di un altro studio, condotto nel 2015 dai ricercatori dell’Università di Göteborg, che hanno voluto approfondire le cause dietro una dinamica comportamentale così ricorrente.
Il team che ha condotto la ricerca, guidato dalla Dott.ssa Malin Hansson, ha contattato 452 genitori, e li ha sottoposti a tre questionari mirati ad inquadrare con cura ogni sfumatura delle loro relazioni. Ogni questionario è stato sottoposto alle coppie allo scoccare dei 6 mesi di vita del bambino, poi al quarto compleanno e infine agli 8 anni.

Tra tutti i genitori sono state 23 le coppie che si sono separate dopo il quarto anno (confermando i risultati dello studio svedese), e altre 16 unioni si sono smantellate dopo l’ottavo anno del bambino.

Al che gli studiosi hanno raccolto e incrociato i dati, appurando quali sono gli elementi costanti che quasi sempre risultavano determinanti nella rottura di un rapporto di coppia. Hanno individuato sette elementi che sono spesso cause di separazione: vediamo quali sono.

 

Leggi anche “Divorzio: cosa dire ai figli, e come? 8 consigli pratici

 

Sette cause di separazione in presenza di uno o più figli

  1. Personalità ed interessi differenti: i figli spesso ti cambiano, drasticamente. Scarseggia il tempo libero e gli interessi mutano; può scarseggiare anche la cura verso se stessi, in particolare per le mamme. La stanchezza è più forte dopo i figli, e si dà la priorità ad aspetti prima trascurati. Questo cambiamento spesso è causa di allontanamento.
  2. Tensione per la nuova condizione di essere genitore: il fatto che alcuni genitori possano sentirsi gravati dalla responsabilità di essere genitore, soprattutto se non vi è una condivisione di compiti, porta spesso uno dei due coniugi a diminuire la stima verso il partner, che si finisce con il percepire come un genitore e compagno/a disinteressato/a verso il benessere della famiglia e del partner stesso.
  3. Mancanza di intimità: metti la stanchezza, metti le notti disturbate e il sonno troppo leggero del bambino, metti anche che spesso si condivide il letto con la prole e… zac, tagliata fuori ogni forma di intimità! E questo si sa, deteriora la coppia.
  4. Stress: i figli spesso risucchiano ogni energia, soprattutto i neonati, ma anche i bambini in età prescolare o scolare. Questo spesso può essere soffocante e arrecare stress.
  5. Cattiva comunicazione: non esprimere i propri malesseri o stati d’animo al partner può dare luogo al rimuginio, che logora i rapporti. Inoltre la mancanza di comunicazione impedisce la risoluzione stessa dei problemi.
  6. Far ruotare tutto intorno ai figli: questa caratteristica è spesso propria delle mamme, ma anche alcuni papà si lasciano risucchiare completamente dai figli, si annullano dimenticando la propria individualità e mettendo in secondo piano il benessere di coppia. Invece i due aspetti dovrebbero andare a braccetto, perché donare ai figli una famiglia unita dovrebbe essere anch’essa una priorità.
  7. Non condividere lo stesso sistema educativo: il modo in cui si intende crescere un figlio e insegnare l’educazione, i valori che si vogliono loro insegnare, i metodi di approccio e di risoluzione dei conflitti, sono degli aspetti che vanno discussi già prima di avere un figlio. Quando non si condividono le stesse idee per forza di cose si va in lotta, e il rapporto si inclina inevitabilmente, perché ciò che è giusto per uno non lo è per l’altro. E sul benessere dei figli siamo quasi sempre intransigenti.

 

Leggi anche “Divorzio ed effetto sui figli, età per età

 

La dottoressa Hansson ha concluso il suo studio con queste parole:

«Non sempre separarsi è una cosa negativa. Ci sono però “divorzi non necessari” che sono il risultato di problemi di comunicazione o temporanei cali nel rapporto. Questi possono essere evitato con un po’ di aiuto»

 

Se vuoi avvalerti della nostra consulenza, chiama il numero 3791156991 oppure compila il form che trovi qui per essere ricontattato gratuitamente. Siamo esperti in divorzio, divorzio breve e separazione.

 

Inoltre la dottoressa ha delineato cinque linee guida per rinsaldare la propria relazione:

  1.  Comunicazione chiara e onesta tra i partner
  2.  Contatto fisico costante, senza lesinare baci, carezze e coccole
  3.  Passare del tempo insieme
  4.  Dare amore e apprezzamento reciproco
  5.  Non esitare a chiedere aiuto ad uno specialista

 

Di certo stare insieme per i figli non è mai una cosa corretta, né verso se stessi ma neppure verso i figli. I bambini sono più svegli e capaci di adattarsi di quanto immaginiamo. Se i genitori agiscono nell’interesse dei propri figli e il divorzio procede in maniera civile e intelligente, allora per i bambini è solo tanto di guadagnato. I figli si accorgono se i propri genitori si trascinano in un rapporto che li rende infelici, e ne soffrono. Spesso per loro è meglio affrontare un divorzio che le liti dei genitori, i loro silenzi e musi lunghi. Sarà dura, ma poi ritroveranno due genitori finalmente sereni.

 

Se vuoi avvalerti della nostra consulenza, chiama il numero 3791156991 oppure compila il form che trovi qui per essere ricontattato gratuitamente. Siamo esperti in divorzio, divorzio breve e separazione.

 

Condividi questo articolo:
0
951642cc6a289363eb0351b1c8753612c7f0ae6b
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: